La vera storia della Kelly

Era il 1930 quando, per la prima volta nella storia, apparve sulle scene la classica borsa da viaggio di Hermès, la Kelly, allora messa in commercio come Sac haut à courroies, borsa alta con bretelle.


Il suo nome attuale, Kelly, è da ricondursi agli anni ’50 quando la stella del cinema Grace Kelly venne fotografata con una versione nera in croco di questa splendida borsa; da allora non abbandonò più le scene, tutte la sognavano, tutte la desideravano e, oggi come ai tempi, la Kelly rimane quell’accessorio iconico e senza tempo che tanto fa impazzire le donne di tutto il mondo.


La Kelly è tutt'oggi ancora in produzione e, sebbene nel corso degli anni il suo stile abbia subito diverse evoluzioni, i suoi tratti distintivi come la qualità e l’identità di questo pezzo sono sempre rimasti invariati; basti pensare al processo di produzione, eseguito rigorosamente a mano dall'inizio alla fine per un totale di circa 18 ore di lavoro per ogni singola borsa. A compiere questo lavoro certosino sono gli artigiani della Maison i quali si dedicano alla produzione della Kelly personalmente.


Ci spieghiamo meglio, ogni Kelly viene fatta a mano da un singolo artigiano il cui nome verrà poi goffrato all’interno dell’articolo insieme alla sua data di fabbricazione. Questi due dettagli identificano la borsa come originale, conferendo anche un valore aggiunto al prodotto stesso.


La qualità è poi presente in ogni fase della lavorazione, a partire innanzitutto dalla selezione delle materie prime come la pelle utilizzata per la realizzazione del pezzo. I requisiti per la selezione delle pelli sono ben precisi e rigorosi, elevatissimi e non ammettono discussioni; una volta selezionate le pelli di ogni borsa, queste vengono consegnate in pezze tagliate a mano direttamente presso l’atelier dove avrà inizio la magia. L’artigiano inizierà a creare la prima fodera interna realizzata in pelle di capra per poi concentrarsi sulla base della borsa, cucita a mano. Pensate che ogni borsa necessita di circa 2600 punti. A tal proposito precisiamo che proprio le cuciture sono tra i tratti più distintivi ed esclusivi della Maison nella lavorazione di articoli di pelletteria, viene infatti sempre eseguita una doppia cucitura a punto sella in quanto verificato essere una tecnica garante di tenuta e robustezza. Si sa care lettrici, una Kelly è per sempre.


Per la realizzazione della borsa Kelly non viene lasciato nulla al caso, tra le fasi di produzione ricordiamo per esempio la stiratura ossia quando la borsa oramai ultimata viene stirata così da eliminare ogni traccia di piega o imperfezione al tatto. Si passa poi alla stampa del nome Hermès Paris su ciascun esemplare e alla messa a punto dei particolari come la maniglia, realizzata con cinque pezzi di cuoio e modellata a mano e la ferramenta, intesa come parti in metallo di decorazione esterna, rigorosamente placcata in oro secondo il processo del pearling.


( anno 1930; anno 2004; anno 2011; anno 2018. La Kelly, Hermès)


È una compagna, un sentimento, uno status, una soddisfazione, un pezzo unico, è tutto, ma di certo non sarà mai solo una borsa,


La Kelly di Hermès

©2018 Federica Ghiozzi All right reserved
 

Cantù (Co) Italy info@vervene.it
 

 P.IVA: 03820010134

 

Privacy Policy

 

Cookie Policy