La Moda che guarda al futuro

Moda non è solo appariscenza e lustrini, estetica e buon gusto. Moda è anche azzardo, consapevolezza, studio, innovazione e ricerca e oggi, cari lettori, scopriremo come entrambe le facce di questo affascinante sistema -estetica e ricerca- s’incontrano e si fondono con armoniosa grazia, per abbracciare la costante e velocissima evoluzione che il nostro mondo ci invita a sostenere.

Il fashion, in Italia come nel resto del mondo, è uno dei settori traino dell’economia. Questo settore così speciale e all’apparenza riservato solo ad una nicchia di persone, parla in realtà a tutti i componenti della società, lavorando per loro ed insieme a loro con l’unico, nobile obiettivo, di offrire e garantire ai clienti sempre il meglio. Ed è proprio da questo principio che nasce il nostro approfondimento odierno, un approfondimento che vuole puntare i riflettori sul cambiamento, sull’innovazione e sulla trasformazione che il fashion sta abbracciando grazie all’incredibile supporto del digitale e delle nuove tecnologie.


Dunque partiamo con una semplice domanda, che noi stessi ci siamo posti prima intraprendere questo percorso di scrittura:


Il digitale può rivoluzionare la moda? E se sì, come?


La prima risposta è quasi scontata, abbiamo prove a non finire dell’intervento del digitale nel settore della moda dunque, senza alcun dubbio, sì, il digitale può rivoluzionare il mondo della moda e, invero, già lo fa! E allora passiamo al secondo quesito, la cui risposta sarà argomento principale delle prossime travolgenti righe… Buona Lettura!


Iniziamo col raccontarvi di un contest molto particolare intitolato “Il coraggio di Innovare – Digital Award”. Si tratta di una splendida iniziativa, proposta per la terza edizione nel 2017, che si impegna a cercare, premiare e valorizzare imprese e liberi professionisti che, grazie all’utilizzo del digitale come leva di competitività, danno vita a progetti innovativi e sorprendenti. Per quanto riguarda l’edizione 2017, un progetto in particolare ha attirato la nostra attenzione ed il suo nome è “Breath!”, progetto, per altro, vincitore dell’edizione in questione. Di cosa tratta il progetto? In termini molto generici possiamo dire: di abbigliamento sportivo, ma andando più a fondo scopriamo un intero mondo nascosto dietro e dunque ve lo raccontiamo. Si tratta di un progetto sostenibile che utilizza fibre naturali e punta a miniaturizzare la tecnologia, il tutto attraverso una collezione sportswear pensata appositamente per la pratica dello Yoga e del Pilates, due sport che vedono protagonista il concetto di respirazione. Ed è proprio questa la chiave di lettura. Questa collezione, s’intende ciascun capo e strumento che la compone, è stata appositamente studiata e realizzata con l’intenzione di aiutare le persone ad ottenere un coretto e preciso metodo di respirazione durante l’attività fisica. Come? Attraverso un “sistema indossabile” intelligente ed eco-sostenibile (integrato ai capi d’abbigliamento) capace di supportare la persona nella respirazione stessa. Questo “sistema indossabile” si compone di tre parti principali che sono le smart t-shirt, l’electronic device (che monitora la respirazione) e un software (una APP “guida” disponibile sia per Android che per Ios) capaci di captare il ritmo respiratorio dell’individuo durante la pratica degli esercizi, analizzarlo e dunque inviare un feedback sulla correttezza o meno della respirazione, guidarlo (se necessario) alla corretta respirazione e infine, coccolarlo un po’ attraverso la creazione di una vera a propria antologia di esercizi che il singolo potrà svolgere in maniera del tutto autonoma durante il suo training. Insomma, un servizio peculiare pensato apposta per aiutare ed agevolare i cultori dello Yoga e del Pilates, il tutto, rispettando al 100% il nostro pianeta grazie all’uso esclusivo di fibre naturali. “Breath!” ci ha conquistato e colpito, un progetto meraviglioso e lodevole che abbiamo deciso di condividere con voi, cari lettori.

Questo è naturalmente, solo un esempio di come la tecnologia stia già influenzando e migliorando il fashion system, ma le sorprese non finiscono qui, infatti a seguire vi delizieremo con altri preziosi spunti, questa volta molto meno sporty e molto più glam:


Ecco a voi quattro modelli esclusivi nati dalla collaborazione tra il marchio londinese di high luxury prêt-à-porter Jimmy Choo e l’altrettanto rinomato Zhor-Tech, il brand leader mondiale delle calzature smart. La fusione di questi due grandi esponenti ha dato vita a quattro gioielli dalla calzata magica, quattro polacchini che, oltre ad essere tremendamente glam, sono anche tremendamente intelligenti.


For Her:


For Him:



La loro peculiarità è sublime e siamo certi, essere la risposta alle preghiere di moltissimi freddolosi: suole riscaldate che, letteralmente, tengono il piede al caldo, ma non solo a parole, anche a fatti! La suola di questi splendidi boots è infatti riscaldabile e regolabile attraverso l’impiego di una simpatica e pratica applicazione da scaricare sul vostro smartphone.

E non finisce qui! La si può anche ricaricare tramite l’apposita porta Usb!


Insomma, a conclusione di tutto, possiamo indubbiamente confermare che la tecnologia ed il suo “far capolino” nel settore del fashion, ci piace!

©2018 Federica Ghiozzi All right reserved
 

Cantù (Co) Italy info@vervene.it
 

 P.IVA: 03820010134

 

Privacy Policy

 

Cookie Policy