I pezzi chiave dell'autunno inverno

…e come abbinarli!


Care lettrici, Vervene vestirà solo per oggi i panni di una stylist, la vostra personale, che in quanto tale avrà il preciso compito di raccontarvi e presentarvi quali pezzi chiave, must have, occorre avere nel guardaroba.


La stagione designata è quella attuale, quindi l’autunno inverno, e le occasioni d’uso che vi citeremo ricoprono tutte e 24 le ore di una giornata.

Qual è il target? Le donne che amano essere donne. Femminili e super chic, basic ma con un guizzo di eccentrismo, romantiche e un po' dark, sportive e anche un po' minimal, ciò che conta è l'essere donne, innamorate del proprio corpo fatto di pregi e difetti e pronte a valorizzarlo! #beingwoman è il nostro motto.

I quattro pezzi chiave da avere nel guardaroba:



1. Il jeans skinny è in assoluto il primo della lista, quel capo che dona tanto ai corpi esili, quanto alle curve sinuose dei corpi più in carne, fino anche a coloro che si osservano con occhi critici notando i difetti, più che le unicità. Il jeans skinny ci rende consapevoli delle nostre forme, poche o troppe che siano, perché non valorizzarle? Il benessere dello stare bene con sé stessi nasce dall'accettazione di ciò che si è, per poi virare verso il desiderio di vederci più… belle, magre, asciutte, toniche, rotonde, sensuali, provocanti, dolci, robuste o…? In qualsivoglia maniera desideriamo vederci, prima diventiamo consapevoli di ciò che siamo, e prima potremo iniziare a lavorare per diventare la versione di noi stesse che vorremmo essere. E in qualsiasi fase di queste vi troviate, il jeans skinny non può che essere un alleato.


Appunti: come abbinarlo?

Jeans skinny Maria, J Brand


Jeans blu denim + blusa fantasia + mule platform

Jeans blu denim + polo + pull funny + sneakers

Jeans blu denim + top + décolleté

Blusa con stampa, Semicouture; Pull Ciao Amore, Giada Benincasa; Top crop, Derk Lam 10 Crosby


2. Il blazer è il secondo must have immancabile in un ben fatto guardaroba autunnale. Che sia lungo o corto, over o sciancrato, o ancora monopetto o doppiopetto, poco importa, scegliete il modello che preferite e quello che meglio cade sul vostro fisico, l’importante è averne almeno uno a disposizione nell'armadio.

Blazer Davos Black, Blazé Milano


A tal proposito, il modello preferito della redazione tra le nuove proposte della fall winter è Davos Black di Blazé Milano. Un modello in lana e seta senza bottoni, chic e femminile. Lo si può portare aperto, se si vuole un effetto più morbido e casual; chiuso con cintura coordinata legata in vita, per un effetto sciancrato ed un look fine ed elegante. Questo modello in particolare dona a tutti i tipi di fisico, che siate alte, di media statura o basse, filiformi o morbide, scegliere un blazer di media lunghezza è la strategia vincente per coprire le eventuali zone critiche del corpo, risaltando invece décolleté e punto vita.


Appunti: come abbinarlo?

Blazer strutturato, Mango


Blazer + dolcevita + pantalone a sigaretta + maxi boots

Blazer + mini dress + anfibio

Blazer + blusa in seta + pantalone slim + stringata

Dolcevita, Jil Sander; Mini abito aderente, Artica Arbox; Blusa in seta Mirabilis, Emilio Pucci


3. Il tailleur, composto sia da giacca e pantalone, sia da giacca e gonna, è il vero complice delle donne. Quel completo che, quando impreparate veniamo invitate ad una cerimonia, ad una serata elegante, ad un meeting o ancora ad un appuntamento importante, ci saluta dall'armadio facendo capolino e salvando prontamente la situazione. Avere un tailleur di ottima qualità e dalla giusta vestibilità è fondamentale, non commettiamo dunque l’errore di dimenticarlo dalla wish list. Ecco a tal proposito quella proposta dalla redazione, quattro tailleur diversi tra loro, non propriamente classici all'apparenza, ma assolutamente attuali, femminili e smart. Il primo è il più sexy, il più irriverente e al tempo stesso il più dolce e delizioso. Raffinato e femminile. Il secondo è un modello giocoso e dalla personalità scoppiettante, è sbarazzino, vivace e disinvolto, per una donna consapevole che ama non prendersi troppo sul serio. Un tailleur perfetto per le working girls in carriera. Anche il terzo modello è particolarmente indicato per le occasioni diurne e lavorative, parla di una femminilità forte, sicura, fiera e per questo estremamente sensuale, è grintoso, energico e deciso, perfetto per un meeting di lavoro, un colloquio o una presentazione importante. L'ultimo è invece il più camaleontico, si presta per il lavoro, per il tempo libero o per una serata informale dove, per renderlo più sexy, basterà un top semi scollato e semi trasparente.

Blazer doppiopetto e minigonna, Balmain; Giacca e pantalone a quadri, Mango; Giacca doppiopetto e pantalone sartoriale, Stella McCartney; Giacca e mini in velluto, Bella Freud


Parlando di fit e vestibilità, certamente l'opzione giacca e pantalone, soprattutto se in versione fit morbido, sono il passe partout che si sposa meglio con le differenti forme del corpo. Insieme sono un abbinamento sempre vincente che non passa mai di moda, può essere declinato in versione diurna con una t-shirt o una camicia tinta unita, in versione serale con un body iper femminile o un top basic ma raffinato.


Appunti: come abbinarlo?

Come regola generale possiamo dire che sotto un qualsiasi tailleur che si rispetti, il capo perfetto con il quale fare centro è in assoluto il dolcevita in versione slim fit. Ecco gli spunti della redazione per i vostri abbinamenti:

Dolcevita cashmere ultralight, Falconeri; Dolcevita, Fabiana Filippi; Dolcevita, Sonia Rykiel; Dolcevita P.A.R.O.S.H.



4. L’abito nero è l’ever green per eccellenza e proprio per questo viene proposto in mille salse: maxi, midi e mini, a tubino, a manteau, sari, chemisier e ancora smoking, da cocktail o a kimono. Con maniche a palloncino, smanicato, a manica lunga, più o meno scollato, tinta unita o impreziosito da applicazioni e pattern fantasia. Su quale orientarsi? La scelta smart della redazione è la media lunghezza, manica corta e fit morbido nel complesso e più affusolato in vita.

Abito midi con applicazioni, Ermanno Scervino


Se poi si vuol essere pignoli, l’abito nero andrebbe declinato in base all'occasione d’uso. Si può, per esempio, azzardare ad un mini tubino nero da sera, decorato con l'applicazione di paillettes tono su tono. Ancora un abito da cocktail, lungo fino al ginocchio, smanicato e realizzato in lana leggera, seta o velluto, ideale per "ogni evenienza"; può per esempio essere sdrammatizzato con uno stivaletto o un anfibio per il lavoro o il tempo libero, così come può essere impreziosito con una décolleté o un tronchetto a stiletto per le occasioni più formali. Un altro esempio è l'abito shilt, dal taglio dritto e cilindrico, è l'ideale tanto per il giorno, quanto per la sera e si presta alla perfezione anche per quelle giornate storte nelle quali si ha l'impressione che tutto ci stia male. L'abito shilt no!


Prendiamo ora in analisi l'ultimo citato, l'abito shilt, e vediamo con quali accessori (scarpe) abbinarlo:

Abito in lana tecnica, Twinset


Appunti: come abbinarlo? Abito shilt in versione work + stivaletto

Abito shilt in versione tempo libero + stringata Abito shilt in versione sera + sandalo

Stivaletto Alane, Michael Kors Collection; Stringata Monolight, Prada; Stivali, Proenza Schouler



Ora, care lettrici, dopo avervi suggerito i quattro capi irrinunciabili e assoluti must per ciascuna di noi, passiamo a presentarvi un quinto protagonista, un intimo compagno senza il quale molte di noi si sentirebbero nude, un supporto, un conforto, un capo personalissimo, il più nascosto e per questo il più prezioso, confidenziale e privato. Quel capo che, calzandoci addosso alla perfezione, rimane sempre a diretto contatto con la nostra pelle, l'accarezza, la sfiora, la protegge. E non protegge solo la pelle, ma anche e soprattutto quell'organo, quel muscolo così speciale che ci identifica come donne. Il seno. Proteggiamo la nostra femminilità, care lettrici, e difendiamoci dal cancro al seno, insieme, possiamo.

Ottobre è il mese della prevenzione, facciamo un controllo.


Vervene per le donne.


©2018 Federica Ghiozzi All right reserved
 

Cantù (Co) Italy info@vervene.it
 

 P.IVA: 03820010134

 

Privacy Policy

 

Cookie Policy